Ciao, sono Filo,
un ragazzo un po’ introverso ma con tanta voglia di esplorare le infinite capacità che abbiamo dentro di noi che spesso non ne siamo a conoscenza. Ah, come ha scritto Catta, sono stato anche un baskettaro convinto come lo siete voi!

Mi sono laureato in infermieristica nel 2016 a Conegliano, decisi però di partire senza una meta precisa, pur avendo già un’idea di cosa fare, e così mi sono trasferito in Inghilterra per poter praticare la professione per cui avevo studiato. Per fare ciò è d’obbligo raggiungere un buon livello della lingua inglese, ed io naturalmente mi misi di gran lena a studiarla, per mantenermi lavoravo come cameriere in un pub. Finalmente, dopo 18 mesi, ho raggiunto il mio obiettivo e quindi pronto ad iniziare questa avventura nella sanità anglosassone, e devo dire che a tutt’oggi va tutto alla grande!

Sentivo però il bisogno di fare anche qualcosa di diverso e da li è iniziato un percorso interiore alla ricerca di cosa potevo condividere con il mondo. Sono sempre stato una persona pronta ad aiutare il prossimo, fin da adolescente ho partecipato a vari centri estivi dove ho scoperto la mia passione nel trasmettere dei valori al prossimo, soprattutto alle nuove generazioni che vedevo in difficoltà a superare situazioni che per me erano diventate normali.

Esplorando nuovi mondi mi sono imbattuto in un Life Coach ed è stato “amore a prima vista”; qualcosa si è acceso in me, sentivo che forse era arrivato il momento del mio cambiamento, la svolta che dava un senso alla mia innata propulsione ad aiutare gli altri: diventare Life Coach!

Che ruolo ha un Life Coach? Semplice, quello di aiutare la gente a raggiungere i loro obiettivi, scoprendo quali sono i pensieri limitanti, pianificando un percorso e convincere ad essere autonomi nel raggiungimento dello scopo prefissato, perché noi solo siamo i responsabili di come si reagisce a quello che ci accade.

Non sono ancora un Life Coach certificato (frequento a tutt’oggi il master) ma voglio condividere la mia strada con voi per mostrarvi le mie paure e difficoltà ma anche le gioie immense che mi offre ogni giorno. Su consiglio del mio tutor, ho deciso di iniziare a praticare quello che apprendo al corso fin da subito e, grazie anche all’opportunità che mi dà la Vigor Basket, inizio da adesso una rubrica settimanale imperniata su quello che vi ho scritto, sono sicuro che a tanti di voi, seguire i miei video, potrà essere interessante.

Filo