Basket Ormelle vs Vigor Conegliano 92-70 (21-16; 41-40; 69-56)

Basket Ormelle: Zamattio 17, Momesso 16, Piva 2, Borina 8, Cuka, Orso 8, Filippozzi 22, Marcat 2, Donadi, De Pin 17. All. Tison.

Vigor Conegliano: Ongaro, Romano 1, Rinaldi 12, De Lorenzi 7, Antiga, Benedet 6, Albanese 11, Ceneda 4, Baccichet 11, Primicerio 9, Scudeller, Rui 9. All. Gerlin

Note: Ormelle TL 11/18,T3pti 6 (3 Momesso, 2 Zamattio, 1 Borina), uscito per falli De Pin. Conegliano TL 15/26, T3pti 5 (3 Primicerio, 1 Rinaldi, 1 Baccichet), uscito per falli De Lorenzi.

Arbitri: Zanelli & Zanelli

Si scontravano prima e terza del campionato e vi era aria di duello “rusticano” per la voglia di dimostrare la supremazia del trevigiano, visto che quest’ anno siamo stati inseriti nel girone “veneziano” e dopo aver battuto Pieve di fatto questo era una sorta di secondo “derby”, inoltre Ormelle è davvero una bella squadra bel amalgamata e completa, quindi la partita aveva un alto coefficiente di difficoltà, ma iniziamo con la “garra” giusta, giriamo bene la palla, buone penetrazioni, giusti tiri presi con spazio grazie alle penetrazioni e allo scarico all’uomo libero (strada da percorrere più spesso), qualche palla regalata ma difesa buona, anche se penalizzata da un arbitraggio buono ma fiscale sui contatti, giochiamo palla su palla chiudendo il quarto in svantaggio, immeritato di 5 punti (21-16);

Inizio secondo quarto ancora più aggressivi in difesa, la palla viaggia che è un piacere segniamo anche da tre punti con una certa continuità e ci portiamo avanti di sei punti sul 31-37, ma manchiamo la possibilità meritata di chiudere il quarto in vantaggio prendendo un parziale di 10-3 che fa finire immeritatamente Ormelle in vantaggio di uno il secondo quarto (41-40).

Usciamo dagli spogliatoi, si fa per dire, un po’ passivi e qui l’Ormelle comincia a segnare anche su qualche nostra ingenuità, non riusciamo a limitare i lunghi e quindi si aprono tiri aperti per le guardie avversarie che segnano con continuità mettendoci in difficoltà in tutti i lati del campo e non riusciamo a controbattere in attacco dove non segniamo dall’arco nemmeno se al posto del canestro ci fosse una vasca da bagno e di conseguenza i nostri avversari ci “battezzano” e ci lasciano tirare stringendo al difesa sotto canestro per evitare le penetrazioni, con questo stratagemma tattico si prendono 13 punti di vantaggio per chiudere il terzo quarto sul 69-56.

Inizia l’ultimo quarto con tutto il tempo per recuperare, ma cadiamo nella trappola della bagarre, che permette ai nostri avversari di far scorrere il cronometro, di giocare agonisticamente sporchi non lasciando linee di passaggio libere e continuando a battezzare i tiri dalla lunga distanza, che segnati ci avrebbero rimesso in partita, ma che non sono entrati mai tanto che, al ricordo del cronista, il secondo tempo nessun vigorino ha realizzato da tre punti e che in area vi erano oggettive difficoltà ad arrivare al ferro, anche per la presenza fisica dell’Ormelle e quindi finisce con un -22 (92-70), troppo punitivo per una Vigor che ha dimostrato di potersela giocare.

Ora sotto con gli allenamenti intensi per trovare l’amalgama giusta per la prossima partita complicata con la BVO Caorle e per preparare la rivincita con l’Ormelle del girone di ritorno.

Buon lavoro ragazzi.

FORZA VIGOR sempre e comunque.

F.DL