Vigor Conegliano vs Basket Pieve 69-62 (25-19; 38-33; 59-43)

Vigor Conegliano: Prandini 10, Michelin 6, D’Este 10, Casagrande 6, Piovesana, Favalessa 8, Mutton, Tintinaglia 15, Ongaro, Bosco 3, Bariviera 3, Zanchetta 8 All. Fuser/ Guzzonato.

Basket Pieve 94: Bergo 4. Zanin, Mazzucco 4, Zuan 9, Dal Bello 3, Seno 5, Pozzobon 11, Elia, Bortolini M. 15 Dorigo 10, Ceneda, Fabbro 1 .All. Brecciaroli/ Corradini.

Note: Conegliano TL 19/ 30, T3pti 5 ( 2 Prandini, 1 Tintinaglia, 1 Bariviera), fallo tecnico a Tintinaglia. Pieve di Soligo TL 12/ 14, T3pti 8 (2 Bortolini M., 1 Zuan, Dorigo, Seno, Dal Bello, Elia e Pozzobon), fallo tecnico a Seno, uscito per falli Seno.

Arbitri:Volgarino e Cavinato.

Tante erano le aspettative per questa partita, da ambo le parti.Per entrambe era non vitale ma importantissimo vincere.Per continuare la fuga o per restare attaccati alle fuggitive.In tutti e due i casi, per regalarsi quella dose di fiducia che solo i derby come questo ti sanno dare.Tante sono state le emozioni vissute prima, dopo e durante la partita da ambo le parti.E queste hanno senza dubbio condizionato l’andamento ed il tasso di spettacolarità della partita.Certo è che, alla luce di assenze importanti sia per Brecciaroli che per il nostro Fuser, chiunque sia sceso sul parquet abbia dato tutto.Qualcuno, anche qualcosa in più.

Ad esempio, Elia Prandini e Marco Bortolini, compagni di squadra e amici per e da una vita.In maglia Vigor, ma nel passato più recente con maglia biancoblu di Pieve.E gli SplashBrothers non hanno disatteso i propri tifosi, stavolta non più coesi a loro sostegno.

“Pronti, via!” e Borto aveva già schiacciato il piede sull’acceleratore piazzando due triple per il 6-0 ospite.Prando c’ha messo un po’ a registrare polso e polpastrelli, ma in un momento fondamentale della partita ha sganciato le due bombe che ci hanno permesso di allungare nel terzo quarto.Si sono marcati, si sono divertiti. Il bello dello sport!Poi, però, c’erano pur sempre anche i due punti in palio.

E dopo l’avvio “in penna” degli ospiti che in pochi minuti si erano proiettati sull’ 11-4 con 5 punti di Pozzobon, dopo il time-out provvidenziale di Fuser è iniziata per i nostri un’altra partita.In pochi giri di lancette il gap è stato ridotto, con una fiammata a fine primo quarto poi abbiamo messo definitivamente la freccia. Tripla in step-back di TommyTintinaglia, penetrazione e tripla di D’Este sulla sirena: +5.

Le rotazioni dei quintetti hanno evidenziato la diversa profondità delle panchine.È infatti con i vari Casagrande, Bosco, Favalessa ed il già citato D’Este che la Vigor alza al massimo la pressione difensiva.Pesano invece a Brecciaroli le assenze di Luca Bortolini e Di Prampero.Ciò nonostante, il secondo quarto si chiude in perfetta parità e le squadre sono andate negli spogliatoi mantenendo il gap di cinque lunghezze.

Ma è nel terzo periodo che i fioi hanno tirato fuori tutto il meglio del repertorio.Con Prandini, come detto, ancora con Tommy, che con la loro carica hanno contagiato tutti i compagni.Il vantaggio raggiunge così anche il +17, ma si sa che le partite, in particolar modo i derby, non finiscono mai prima del quarantesimo minuto.L’inerzia puoi girare in un istante, a volte pericolosamente ed irreparabilmente.Così con il redivivo Bortolini, la “tabella amica” di Dorigo e l’unico centro di Dal Bello, con le triple Pieve si è più volte riavvicinata fino al -5.C’è voluta tutta la freddezza ai tiri liberi di Tintinaglia, l’istinto a rimbalzo e l’astuzia difensiva di D’Este, la solidità di TobeZanchetta e la provvidenza di capitan Michelin per resistere negli ultimi catartici minuti.

Ma i ragazzi ce l’hanno fatta anche stavolta!E per la sesta volta in fila hanno portato in spogliatoio il referto rosa che significa due punti ed un’altra settimana in testa alla classifica.

Il prossimo weekend, poi, ne rimarrà solo una.Ma siamo pronti. Siamo fiduciosi. E non ci tremeranno le gambe.Perché le vittorie come questa servono, come ho spesso detto, a cementare soprattutto le proprie sicurezze.

Forza fioi!

Forza Vigor!