Vigor Conegliano vs Basket Pieve ’94  75-72 (14-18; 33-33; 53-56)

Vigor Conegliano: Pase 2, Ongaro 2, Rinaldi 5, De Lorenzi 19, Da Re 1, Modesti 6, Benedet 5, Albanese 12, Ceneda 6, Baccichet 12, Scudeller, Rui 5. All. Gerlin.

Basket Pieve’ 94: Mattiola, Nardi, Pederiva 2, Strufaldi, Granzotto, Colombo 4, Zuan 19, Chiaradia, Girardi, Bortoluzzi 8, Ceneda 15, De Noni 24. All. Corradini.

Note: Conegliano TL 11/20, T3pti 4 (3 De Lorenzi, 1 Benedet). Pieve TL 15/19, T3pti 5 (3 Ceneda, 1 De Noni, 1 Zuan), uscito per falli De Noni.

Arbitri: Tondato è Zanelli.

Siamo alla terza giornata di campionato e ci giochiamo il derby contro i ragazzi del Basket Pieve, con i quali la partita non è mai banale, ma sempre combattuta per le rivalità insite nei giocatori, sia per la conoscenza personale, sia per un fatto campanilistico. Strana situazione di classifica, noi veniamo da una roboante vittoria nell’isola del vetro, mentre Pieve viene da una sonora batosta in casa e per questo ancora più pericolosa.

Il primo quarto, infatti, si rivela molto nervoso, tanti errori difensivi e soprattutto tiri mal consigliati e palle perse, per noi una cosa da migliorare, la partita scorre via e chiudiamo il primo quarto sotto di quattro (14-18), ma con la sensazione che la squadra si debba ancora sciogliere.

Apriamo il secondo quarto con la nostra curva che si fa sentire (a proposito grazie ai ragazzi in tribuna per il loro continuo incitamento e ricordandogli di incitare solo la Vigor) e riusciamo a mettere la partita punto a punto mettendo un po’ di grinta in più in difesa sporcando le linee di passaggio, ma non riuscendo sempre ad adeguarci al metro arbitrale un po’ severo sulla difesa aggressiva. Portiamo a casa il secondo parziale impattando alla fine del primo tempo sul 33 pari.

Al rientro dagli spogliatoi, l’inizio del quarto è sulla falsariga del precedente fino a 2 minuti dalla fine, dove Pieve prende qualche punto di vantaggio e dobbiamo rincorrere trovandoci a cinque secondi dal fine del terzo quarto sul 50-56, ma infiliamo una bomba a tre secondi dalla sirena, che di fatto cambia l’inerzia del 4/4 (53-56).

Difatti al rientro in campo il morale è ben diverso, difendiamo al limite sprecando si qualche fallo, ma facendo capire agli avversari che qui non si passa, con una buona difesa ci allunghiamo in contropiede e passandoci la palla riusciamo a trovare l’uomo libero, prendendoci buoni tiri fino a portarci sul 68-60 a circa 5 minuti dalla fine della partita, ma qui ricomincia il gioco uno contro cinque… che ci porta a perdere troppi palloni e subito Pieve ne approfitta per tornare a contatto, trovando addirittura il tiro da tre che ci avrebbe portato ai supplementari.

Ma forse la più bella soddisfazione avuta ieri sera è stata quella di aver visto in campo Lorenzo Zanelli, uno dei due arbitri il quale, a luglio del 2021 è stato vittima di un pauroso incidente automobilistico rimanendo tra la vita e la morte per mesi all’ospedale di Udine. Un in bocca al lupo a Lorenzo per il proseguo della sua carriera arbitrale (quest’anno serie B Maschile e A femminile).

FORZA VIGOR sempre e comunque.

F.DL