Si è giocata nel weekend la seconda giornata di campionato, e le sorprese non sono mancate. A partire dai nostri ragazzi della Vigor, capaci di “spadroneggiare” e mettere a referto ben 85 punti in quel di Caorle. Ma tutto sommato inaspettati, o comunque non scontati alla vigilia, lo sono stati anche gli altri risultati giunti dagli altri parquet del girone Est.

I giovani del Martellago-Lido hanno infatti ottenuto i primi due punti a scapito di un Feltre che nell’ultimo quarto di gioco, con soli 4 punti segnati, ha perso improvvisamente il proprio equilibrio, nonostante un Marco Bettin ancora sugli scudi. I fioi dea Baia, in quel di Cavallino Treporti, hanno invece portato al supplementare e poi sconfitto l’ancora incompleta Spresiano. Ragazzi, Saoner e Davanzo hanno così inseguito e sorpassato al fotofinish i ragazzi di Cadorin, che restano al palo.

Il match clou della domenica, il derby di Marca tra Ormelle e Pieve, è invece andato agli ospiti. L’assenza di Bovolenta non è ancora stata sopperita dalle Serpi, che dopo un primo quarto al comando hanno via via ceduto il passo ai pievigini. Non una partita spumeggiante in termini realizzativi, viene risolta dai soliti F.lli Bortolini che glaciali dalla lunetta hanno messo al sicuro la seconda vittoria in campionato, raggiungendo la Vigor in testa alla classifica.

BVO Caorle vs Vigor Conegliano

Tutto più o meno nella norma invece nel girone Ovest, dove PlayBasket ha trovato il primo successo, seppur con qualche difficoltà di troppo, contro l’Under 19 eccellenza del Petrarca Padova. Ha vinto invece con 40 minuti in controllo Altavilla ad Abano Terme, condotta in porto da Fox e dai veterani Campiello e Pressanto. A proposito di gente esperta, non sono bastati a Salzano i 48 punti del terzetto Jova-Zelle-Vit per espugnare San Bonifacio, dove Croce, Damiani e Soave hanno risposto efficacemente all’urto vincendo dopo un supplementare in cui gli ospiti non hanno messo nemmeno un punto a referto. Infine, vittoria casalinga del Roncaglia su Resana, decisa nel finale dopo 38 minuti equilibratissimi.

Nel weekend di Halloween (e del cambio dell’ora)che ci aspetta, vedremo chi a casa porterà il dolcetto o l’amaro scherzetto.

Indipendentemente da tutto, buon divertimento e buon basket a tutti!