Un po’ di…laguna!

Drazen Dalipagic

Nato a Mostar (Bosnia-Erzegovina) il 27 Novembre 1951. Soprannominato Praja, era un giocatore di grande classe, uno dei più forti in Europa del suo tempo. Era un’ala piccola dotato di un tiro mortifero. Nel Campionato Italiano ha giocato con UdineReyer Venezia e Scaligera Verona. La sua migliore stagione fu quella nel campionato 1981-82 quando, con la maglia del Partizan Belgrado, ottenne una media di 42,9 punti per gara. Va sottolineato che all’epoca non c’era ancora il canestro da tre punti! Il 25 gennaio 1987 stabilì il record personale di marcature in serie A1 del campionato italiano con 70 punti nella partita vinta dalla Reyer Venezia contro la Dietor Bologna (107-102) che gli è valsa la targhetta commemorativa che trovate all’ingresso del Palasport dell’Arsenale. Eletto tre volte miglior giocatore europeo dell’anno; con la Nazionale jugoslava ha giocato complessivamente 243 partite vincendo la medaglia d’oro alle Olimpiadi di Mosca 1980, medaglia d’oro ai Mondiali del 1978 nelle Filippine, medaglia d’oro agli europei di Spagna ’73, Jugoslavia ’75 e Belgio ’77.Dal 2004 è inserito nella Basketball Hall of Fame.

Drazen Dalipagic

Spencer Haywood

Nato a Silver city (Mississippi) il 22 Aprile 1949. Pivot di 2,03. Muscoli da vendere! La carriera “pro” di Haywood è subito esplosiva come testimoniano le quattro convocazioni per l’NBA All Star Game. Le sue tappe sono state: Denver Rockets, BuffaloBraves, SeatleSuperSonics, New York Knicks, New Orleans Jazz e ai Los Angeles Lakers, proprio in giallo/viola mette al dito l’anello! Dopo 12 stagioni nella massima serie americana Spencer decise di volare in Europa. La Reyer Venezia, allora sponsorizzata Carrera, che militava nel campionato italiano di serie A2, lo accolse a braccia aperte. Con 23,5 punti e 10,4 rimbalzi di media fu uno dei maggiori artefici, insieme a DrazenDalipagic, della promozione della squadra in A1. Insieme produssero 53,5 punti a partita, trascinando la squadra anche ad una finale di Coppa Korac (poi persa contro la Joventut Badalona). Il rapporto con i lagunari non fu mai idilliaco. Nella stagione successiva, dopo solo 5 partite, Haywood, una notte, scappò da Venezia per far ritorno in NBA con la maglia dei Washington Bullets. Con il Dream Team nel 1968 alle olimpiadi di Città del Messico, vinse la medaglia d’oro!

Spencer Haywood

Lorenzo Carraro

Nato a La Spezia il 20 Novembre 1953. Alto solo 1,88 ma schiacciava a due mani con naturalezza e facilità; volava in contropiede con tutta la sua determinazione. Carraro aveva un rapporto preferenziale con il canestro che poche altre guardie in Italia avevano. Lorenzo, soprannominato “il magnifico”, si costruì la sua carriera a Venezia fra A1 e A2 dove rimane, insieme a “Nane” Vianello, un simbolo, uno dei più grandi di quella mitica Reyer. Poi passa a Caserta prima di approdare a Siena. Con la Mens Sana e il suo pubblico fu subito amore a prima vista: Siena apprezzò il campione e l’uomo. A 35 anni, in età non più verde, lo costrinse ad una programmazione del suo futuro meno ambiziosa rispetto a quella della società. Infatti, dopo questa ultima esperienza, nel 1988, appese le scarpette al chiodo. In Nazionale contribuì alla medaglia di bronzo agli Europei di Jugoslavia ’75.

Lorenzo Carraro