Oggi i tre personaggi analizzati sono stati determinanti, ognuno a suo modo, delle sorti della Benetton Basket Treviso. Eccoli!

Ezio Riva

Nato a Udine il 4 Giugno 1957. Ha giocato in Serie A1 e in Serie A2 tra il 1975 e il 1995. Ha debuttato all’età di diciotto anni a Udine in A1, dove rimase due stagioni. Poi Mario De Sisti lo ha fermamente voluto a Treviso con l’allora Liberti che militava in serie B. Ezio ha contribuito non poco all’ascesa della Benetton nella massima serie. Giocatore assolutamente fisico, faceva della forza la sua peculiarità. Personaggio alla mano, molto simpatico e ben voluto da tutti. La sua carriera continuò con il Basket Mestre, poi a Milano con l’allora allenatore Dan Peterson per poi giungere alla Stefanel Trieste di coach Bogdan Tanjevic, rimase li per ben quattro annate. Ultima società fuori casa è stata il Montecatini per due anni prima di tornare a Udine dove concluderà la sua carriera da cestista.

Dave Sorenson

Nato a Findlay, Ohio l’8 Luglio 1948. Viene ricordato dai trevigiani perché è stato il primo “straniero” della Benetton neopromossa in A2 (1979/’80). Dall’alto dei suoi 2 metri e 6 cm, è stato un pivot eccezionale che aiutò la squadra a raggiungere l’ottimo sesto posto in stagione. Dave, prima di Treviso, aveva militato nella Stella Azzurra Roma e prima ancora ha avuto un discreta carriera in NBA. Le casacche indossate sono state: Ohaio St. Buckeyes (1966-1970), nel 1970 fu arruolato nel secondo round (26° assoluto) del draft di quell’anno dai Cleveland Cavaliers e sucessivamente andò con i Philadelphia 76ers (1972-1973). Scomparve prematuramente all’età di 54 anni a Cleveland il 9 Luglio 2002.

Stefano Rusconi

Nato a Bassano del Grappa il 2 Ottobre 1968. Alto 2,08 cm x 116 Kg. Il suo ruolo era pivot, veniva soprannominato “Rusca”. Esordisce in serie A nel 1985 con Varese, resterà li per 6 anni prima di essere acquistato a suon di milioni dalla allora ambiziosa Benetton Treviso. Nella stagione 1995-96 opta per il grande salto oltreoceano: il 14 giugno 1995 firma per i Suns. Con la maglia di Phoenix ha giocato però solo 7 partite, 30 minuti e 8 punti totali: non si è mai realmente ambientato. Torna così a Treviso per ulteriori 2 anni contribuendo a vincere lo scudetto del 1997. Dal 1998 comincia il suo girovagare per tutta Italia passando anche per l’Olimpia Milano. Con la Nazionale vince l’argento agli europei d’Italia nel 1991. L’ultimo anno da cestista è stato nel 2010, intraprendendo sucessivamente la carriera di allenatore.