FINALE: Under 18 Silver vs Pall. Spinea

 

AMB Vigor Conegliano: Canè, Li Ze, Boscaratto 3, Lavina 4, Novara, Curtolo, Ramos 41, Zaia 7, Pianca 4, Bragagnolo, Masin 10, Modolo 18. All. Boscarato, Guzzonato.

ùPall. Spinea:Pistolato 4, Miani 20, Malinay, Bianchi 21, Favero 11, Malinay N.R. 4, Bellio 17, Bevacqua, Franceschi, Finati, Sardena, Pizzuto 2. All. De Zorzi, Numi.

Arbitri: Stabile e Vedelago.

Note: Conegliano TL 15/23, T3pti 10 (8 Ramos, 1 Modolo, 1 Zaia), usciti per falli Curtolo e Masin. Spinea TL 20/35, T3pti 6 (2 Bellio, 1 Favero, 1 Miani, 1 Malinay N.R., 1 Bianchi).

 

SEMIFINALE: Pall. Favaro vs Under 18 Silver

 

Pall. Favaro:Ferrarese, Vanin 4, Piovano 4, Orlando 12, Guglielmini, Cestaro 10, Maestri, Volpato 16, De Angeli 4, De Mas 6, Valente 4, Pamaro 21. All. Forcellini.

AMB Vigor Conegliano:Tolin, Daniele, Boscaratto 3, Lavina 2, Matiello, Curtolo, Ramos 24, Zaia 7, Pianca 9, Bragagnolo, Masin 4, Modolo 34. All. Boscarato, Guzzonato.

Arbitri: Dotto e Forner.

Note: Favaro TL 14/28, T3pti 5 (3 Cestaro, 2 Orlando), uscito per falli Orlando. Conegliano TL 12/20, T3pti 9 (5 Modolo, 4 Ramos), antisportivo a Pianca, uscito per falli Curtolo.

My friends ! miei Cari amici della Vigor community: ebbene si! i Campioni siamo Noi! I Vigorboys si fregiano meritatamente del titolo del Campionato Interprovinciale 2018-2019 al termine della final four più  adrenalica che ci si poteva aspettare !!

Rivivere, dopo un po' di anni, una finalissima così tirata e bella, assieme ad Alberto, Andrea e the big Catta non era scritto proprio da nessuna parte. Ma è accaduto e i ragazzi sono stati semplicemente fantastici!

Provo a mettere ordine nelle mie emozioni ed a rendervi partecipi di quanto è straordinariamente accaduto. Immaginate un poker si squadre riunito attorno al tavolo da gioco: le prime due del girone nord: il Valdobbiadene prima classificata e poi Noi la Vigor Conegliano; e le prime due del girone sud: il Favaro prima e Spinea seconda. Come quattro giocatori pokeristi accaniti devono giocarsi bene le loro  carte: chi si copre, chi bluffa un po', chi vede il gioco altrui e chi gioca con le carte che ha, cioè Noi.

Nella prima semifinale affrontiamo la capolista del girone sud: Favaro. Tanti 2001, 24 vittorie su 24 partite in qualificazione, squadra offensiva quasi quanto Noi. Eppure diamo loro filo da torcere senza spararci pose: anzi ci rincorrono, sembrano prenderci, ma alla fine la spuntiamo grazie alle nostre tre bocche di fuoco: i punti e le stoppate di Green, il mestiere di Davidone, le trovate di Jacopo e il sudore di tutti gli  altri. 83 a 81 e si va in finale !

Nell'altra semifinale si affrontano le altre due squadre più difensive, organizzate e metodiche: Valdo e Spinea. Anche qui 2001, fisicacci e guardia alta. La spunta Spinea 45 a 41 e ce la ritroviamo in finale dopo aver speso tante energie ma essere anche giustamente galvanizzati.

Si affrontano la squadra più votata all'attacco, la Vigor, la migliore difesa è l'attacco, e Spinea la meglio preperata in difesa il migliore attacco è una buona difesa. Due filosofie e due roster diversi. Vi assicuro, che al di là del tifo, lo spettacolo e i colpi di scena sono stati grandiosi. Partiamo bene e vinciamo il primo quarto, poi perdiamo il secondo, e poi ci rifacciamo nel terzo sino al pareggio dell'ultima frazione: 58 a 58. Tutto è aperto. Da lì in poi abbiamo disputato ben 3 supplementari e sempre negli ultimi secondi avevamo il modo di chiudere la partita d'un soffio.

Nell'ultimo supplementare lo stremo era evidente, ma siamo riusciti a mantenere quel tanto di lucidità che ci ha portato alla vittoria finale per 87 a 79 ! Non siamo abituati a recriminazioni verso gli arbitri o verso talune "gentilezze" degli avversari: noi abbiamo contato solo sulle nostre forze e sulle carte che avevamo in mano. Quelle ci hanno fatto vincere.

Una  carta vincente è stata Green Ramos: 41 punti in una finalissima ed il rispetto di tutti non si improvvisano; altra carta vincente è stata Davidone Modolo già mattatore della semifinale; e poi tutti gli altri che stanchi, frenetici e battaglieri non hanno mai smesso di crederci. Battere una zona difensiva come quella di Spinea non è facle per nessuno (anche se l'unica marcatura ad uomo e a tutto campo l'hanno riservata, senza esito, al nostro immenso Green ... a momenti lo marcavano anche in panchina !).

La circolazione di palla nostra spesso è stata di qualità e spiazzante ed ha permesso ai nostri tiratori di segnare. Grandissimi Vigorboys! avete onorato la società, la maglia che indossate, i vostri genitori-tifosi - che Cambusa finale !! e il vostro tenace impegno. Grande Paolo Boscarato che con Guzzonato ha tenuto le briglie di questa squadra tutta genio e sregolatezza che somiglia ad un puledro di qualità: agile, veloce e bizzoso. Bisogna prenderlo nel verso giusto e - grazie anche al lavoro di Fabio Fardin - il puledro corre più di tutti.

La Vigor ha vinto ed ha vinto una certa idea di sport. Perchè abbiamo ascoltato l'assordante rullo dei tamburi avversari battere sempre. Anche durante il sacro rito dei tiri liberi. Noi invece abbiamo preferito ascoltare il battito dei nostri cuori e dei nostri ragazzi palpitare ad ogni azione. Perchè abbiamo letto che ci davano perdenti in partenza; ma abbiamo letto negli occhi dei nostri ragazzi la semplice e sportiva voglia di giocarsela e di far parlare il campo.

Perchè abbiamo lottato sempre contro avverari più grandi d'età e d' esperienza, ma abbiamo opposto loro la nostra gioventù e la nostra generosità. Perchè questa è la Vigor e solo questa può essere: la meglio gioventù che si batte per una causa comune con le proprie forze e con tutto il cuore. Per questo siamo Campioni.

 

0
0
0
s2sdefault