Il sorriso ed il ricordo di Laura sono ancora e saranno sempre vivi nei nostri occhi e nella nostra memoria.

Non è molto il tempo passato dall’ultimo saluto, ma i suoi amici, quelli che con lei hanno condiviso e condividono l’immensa passione per la pallacanestro, si sono incontrati di nuovo stringendosi attorno a lei. Sabato scorso, 5 gennaio, sul parquet del Palasport di via Filzi che tante volte ha calcato.

Questa volta, per fare anche qualcosa di più di una partita amichevole. Per aiutare la ricerca a far sì che i mali come quello che ha colpito Laura possano essere sconfitti.

Ai ragazzi della Vigor e a quelli del Basket Pieve ‘94 sabato non interessava il risultato finale, non interessava battere l’avversario in campo.  L’obiettivo è stato quello di battersi in favore dell’AIL, ricordando Laura, la sua positività, il suo amore per questo sport. Questo sport che insegna a non arrendersi mai, esattamente come ha fatto lei. Questo sport in cui dalle sconfitte ci si rialza sempre, più forti e coraggiosi, esattamente come farebbe lei.

Questa partita, che andava ben oltre il campo da basket, l’hanno, l’abbiamo dunque giocata tutti insieme!

Ed il risultato è stato emozionante e bellissimo: la sua famiglia, una splendida cornice di amici, che hanno contribuito a donare 2105,00 euro alla ricerca scientifica.

Laura, dall’alto della sua tribuna speciale, ha senz’altro sorriso e tifato orgogliosa per tutti noi!