Il mese di Settembre (purtroppo), da 18 anni a questa parte, è il mese in cui si ricorda una persona a noi molto cara che ha avuto la sfortuna di vivere solamente 16 anni… Sto parlando di Dario Pavan, indimenticabile ragazzo poliedrico che riusciva a gestire la sua vita in maniera perfetta, trovando spazio per fare una infinità di cose tra le quali appunto il Basket di cui vivremo la sua memoria a metà del mese, e la musica.


Per Dario la musica rappresentava veramente una sorta di “fuga dalla realtà”  dove potersi rifugiare nei momenti tristi, a Dario una melodia con note di alta tonalità e un ritmo incalzante, dava sensazioni di felicità e pace. I suoi genitori Maria e Claudio, l’hanno sempre spalleggiato ed incoraggiato perché con il flauto traverso prima e con la chitarra poi lo vedevano tranquillo e sereno.

18 anni senza il buon Dario è una eternità, ma io ce l’ho ancora davanti, lo vedo nitidamente quando mi invitava a sentirlo suonare con il suo gruppo e poi mi chiedeva “Catta cosa dici, può andare”? “Si Dario, è stupenda, siete bravissimi, se chiudo gli occhi mi pare di essere in un concerto dei Pink Floyd”! E lui rideva…

Per ricordare Dario Pavan in versione musicista, i suoi famigliari, come sempre, hanno organizzato un concerto che avrà luogo Venerdì prossimo, 7 Settembre a partire dalle ore 21:00 presso gli impianti sportivi di Campolongo. Quest’anno il gruppo musicale invitato è LAUNDRY SOUL. Dario sarà il primo auditore che avrà il compito di giudicare il loro concerto che, siamo sicuri, lo soddisferà pienamente!