AMB Vigor Conegliano: Cané, Mattiello 4, Daniele, Pilat, Lavina 2, Dal Mas 2, Zaia 13, Masini 2, Pianca, Novara 11, Li Ze 2, Ramos 18. All. Boscarato, ass. Pontini.

Basket Mogliano: Giovannelli 1, Benvegnú G.2, Rosa 16, Dinon, Macatrozzo 7, Zanus 2, Carlini, Fiorin, Cordaro 13, Prete 9, Benvegnú R.5. All. Campanini.

Arbitri: Tondato e Picciol.

Note: Conegliano TL 8/20, uscito per cinque falli Masini. Mogliano TL 9/20, T3pti 4 (2 Rosa, 1 Cordaro, 1 Prete).

Che si sarebbe trattato di un match tirato lo si sapeva: squadre a pari punti in centroclassifica, vittoria vigorina all'andata di carattere più che di lucidità, penultima gara dove tentare il tutto per tutto e voglia di rivincita moglianese... Insomma c'erano tutti gli ingredienti per assistere ad un vero e proprio braccio di ferro tra le due formazioni.


Che dovesse finire però all'overtime e al cardiopalma e che il Mogliano si aggiudicasse il match per un solo punto ... no, non era scritto da nessuna parte! Abbiamo letto la delusione negli occhi dei nostri golden boys e questo può farli ulteriormente maturare e crescere, perché è segno di responsabilità e attaccamento ai colori sociali.

Andiamo alla cronistoria della partita. Primo quarto perso 15 a 17 ma sostanzialmente giocato alla pari. Secondo quarto nostro per 16 a 10 con un più 4 al riposo. Poi solito terzo quarto perso 16 a 9 e l'altalena ci porta al meno 3. Infine non chiudiamo il match e il Mogliano agguanta l'overtime sul 50 pari.

Overtime che rocambolescamente perdiamo per un solo punto, come nelle migliori tradizioni dell'overtime. I nostri ometti contro la loro zona, il talento contro la loro fisicità, le nostre ingenuità difensive contro la loro voglia di riscatto... e via dicendo e ridicendo.

Certo non siamo stati lucidi e freddi, ma si è trattato di un match sanguigno e caldo !! Forse attuare di più, anche andando contro il proprio istinto agonistico, ciò che Coach Boscarato predica, può aiutare i nostri pargoli ad essere più razionali nel leggere e interpretare il match. Lo sapremo solo giocando: l'ultimo incontro è infatti contro un marchio di fabbrica, la De Longhi. Vedremo se il nostro buon artigianato saprà farsi valere.

0
0
0
s2sdefault