AMB Vigor Conegliano: Baldassar 16, Dal Bo, Piccin 3, Dal Pos 15, Tolin 12, D’Agostin 6, Antoniazzi 10, Gajo, Tadiotto, Spessotto, Vanzella. All. Gerlin.

Godega Basket: Pessot 5, Altinier, Sgarbossa 2, Rui 8, Caravello 5, Saccon 2, Marcon, Giusti, Marchesin, Pagotto 2, Poli 14, Pellegrini 5. All. Dall’Anese.

Arbitro: Valent.

Note: Conegliano TL 5/13, T3pti 5 (4 Dal Pos, 1 Tolin). Godega TL 5/10, T3pti 2 (Poli e Pelegrini), uscito per cinque falli Caravello.

Il palazzetto di via Antoniazzi è  stato oggi testimone dell'atteso ritorno al referto rosa. Dopo un primo quarto inguardabile, tra i più disastrosi a memoria di campionato, il punteggio si fissa sul 20-6 per il Godega.


Gli errori sono i soliti: imprecisione al tiro e lentezza della manovra offensiva, conditi da un'abbondante dose di pigrizia e svogliatezza. La perplessità è  tale che anche il fan club presente sugli spalti perde momentaneamente l'entusiasmo. 

Alla fine del primo quarto, il Coach Michele superincavolato (detto alla francese) le prova tutte per suonare la sveglia: "ROSSO! AREA! CORRERE! ", fino a promuovere l'autogestione.

E  così all'inizio del secondo quarto i ragazzi sono irriconoscibili: pressing asfissiante, ruba palla, rimbalzi conquistati riportano i ragazzi in partita. Nel giro di quattro minuti con un parziale a nostro favore di 12 a 2 l'entusiasmo riprende prepotentemente in mano la situazione  per mandare le squadre nello spogliatoio sul 25-24 Vigor.

Sembra che i ragazzi abbiano subito un elettroshock che li ha risvegliati e soprattutto li ha fatti ricordare che con la grinta e con il cuore i risultati possono arrivare. Vinciamo un caotico terzo quarto 38-34 e allunghiamo  nel quarto vincendo 62-43 e facendo tornare sorrisi, salti di gioia e allegria in squadra.

Se è vero allora che nei momenti difficili possiamo reagire con convinzione, grinta e determinazione, continuiamo su questa strada!  Il campionato ha appena iniziato il giro di boa e oggi i ragazzi hanno capito che le potenzialità ci sono, bisogna impegnarsi, lottare e lavorare dal primo all'ultimo secondo in allenamento e dal primo all'ultimo secondo in partita.

 

0
0
0
s2sdefault