AMB Vigor Conegliano: Vendramelli 5, Piccin, Rivaletto 16, Cagnoni 2, Cosmo 10, Spessotto 13, Mariani, Tintinaglia, Cinganotto 2, Rossi 11, Gellera 3, Bortolini 8. All. Sfriso/Fuser/Francescon.

Limena: Fornasiero 7, Sandrin 8, Busca 4, Osellieri 9, Ruffa 2, Sportiello, Guerra 2, Pagnin 14, Ferrari 4, Giacomelli 1. All. Pellecchia/Valentini.

Arbitri: Tadic e Guadalupi.

Note: Conegliano TL 8/16, T3pti 8/23 ( 3 Spessotto, 2 Rossi, 1 Vendramelli, Rivaletto e Cosmo), fallo tecnico a Cagnoni. Limena TL 3/8, T3pti 4/15 (2 Pagni, 1 Fornasiero e Osellieri).

"L’Epifania tutte le feste porta via" ma non solo, pare che stavolta abbia dato un colpo di spugna anche sul periodo nero che, tra infortuni fisici e morali, ci ha accompagnato nell’ultimo mese del 2017, fatto di sconfitte e perdite.


C’era bisogno di una vittoria per ritrovare fiducia ed equilibrio ed il continuo lavoro svolto anche durante le festività ci ha evidentemente permesso di digerire prontamente cenoni, panettoni e pandori vedendoci arrivare pronti alla ripartenza, col chiaro obiettivo di riscatto.

Non era una partita semplice da affrontare, non lo sono mai le partite al rientro da una lunga sosta, non lo sono mai state per i nostri ragazzi finora quelle contro squadre un po’ più “sporche” e fisiche, tant’é che l’impatto con la gara non é stato esattamente brillante, con i padovani schierati a zona dispari fin dalla seconda azione nel tentativo di impantanare fin da subito la nostra fluidità in attacco.

Ci ha pensato pero’ Spessotto a levarci subito dalle sabbie mobili che c’avevano visto calare fino al -4, piazzando un paio di triple in fila (3/3 per lui nel solo quarto iniziale) che c’hanno permesso di rimettere prontamente la testa avanti, senza poi più perderla.

Il coast-to-coast dell’eterno Busca che permette a Limena di chiudere il primo periodo sul -1, sarà infatti l’ultimo scatto d’orgoglio prima che sugli uomini di Pellecchia si abbatta la straordinaria serata (e diciamolo, finalmente!) di Andrea Rivaletto che in proprio ha creato prima un parziale di 7-0 e poi con altri 5 punti ed una stoppata siderale ha infuso entusiasmo e verve a tutti i compagni di squadra, disinibendo anche il giovane Piccin, fin li preoccupato della sola difesa sul non giovane Busca, che prende il coraggio per “fumarsi” il veterano in post basso sulla linea di fondo ma senza trovare per una carambola di troppo sul ferro il fondo della retina.

Il vantaggio accumulato all’intervallo lungo non permetteva certo di allentare la tensione, ma nel terzo quarto i ragazzi hanno buttato dentro un’altra marcia, alzando la difesa ed iniziando a trovare spesso canestri in transizione (spettacolare un no look di Spessotto per Cosmo), con gli avversari che passavano dalla zona dispari a quella pari lasciando pero’ svariate falle che Rossi, Cinganotto, Gellera e Cosmo hanno puntualmente punito proiettando il punteggio sul 58-30.

Nell’ultimo quarto il ritmo é poi ovviamente calato col risultato abbondantemente al sicuro, diventando utile a chi aveva bisogno di ritrovare feeling col campo ed il ritmo partita (come Vendramelli, lontano dal parquet da un mese e mezzo) ed a chi aveva bisogno di “conservarsi” come Bortolini, Cagnoni, Cinganotto e Mariani.

Anche se nessuno ha mai nutrito dubbi in proposito, i fioi della Vigor ci sono ancora, con la loro voglia di lavorare, lottare e vincere aldilà di tutte le difficoltà che il nostro amato sport ci possa riservare.

Il girone d’andata si chiuderà sabato prossimo a Carré, in uno scontro diretto da coltello tra i denti con una contendente per le prime piazze della classifica, e sarà dunque tutt’altra storia, tutt’altra fame.

Ma ora che il panettone amaro é stato smaltito, sono certo che a noi la fame non mancherà!

Forza fioi! Forza Vigor!

...e Buon Anno a tutti!

0
0
0
s2sdefault