AMB Vigor Conegliano: Vendramelli 2, Rivaletto 2, Cagnoni 10, Cosmo, Spessotto 5, Dalle Vedove, Mariani 13, Cinganotto 14, Rossi, Gellera, Marsura 2, Bortolini 7. All. Sfriso/Fuser/Francescon.

Albignasego: Berto 5, Bruno, Moretti 6, Salvato 8, Meneghin 7, Vigna 16, Fabian, Berti 18, Kingsley, Vizzotto 9. All. Benetollo.

Arbitri: Sandu e Zanelli.

Note: Conegliano TL12/16, T3pti 3/25 (Carboni, Mariani e Bortolini). Albignasego TI 5/9, T3pti 12/24 ( 6 Berti, 3 Vizzotto, 2 Salvato, 1 Berto). Antisportivo a Meneghin.

Il grigiore di questa domenica di novembre, in cui l’estate di San Martino si è vista chiudere la porta in faccia dalla sciabolata artica di Attila, è riuscito ad attanagliare anche corpo e mente dei ragazzi di coach Sfriso che, dopo due toniche prestazioni in trasferta, hanno bissato l’opaca prestazione offerta sempre tra le mura di casa contro la Virtus Lido lasciando i due punti stavolta agli ospiti patavini.

L’inizio partita eppure, coi canestri in penetrazione e da oltre l’arco di Bortolini e Cagnoni, lasciava intravedere qualche raggio di sole tra gli irti colli coneglianesi, ma un paio di triple della “vecchia volpe” Vizzotto ed una di Berti hanno presto calato le prime nebbie tra le maglie biancorosse che si son viste prima raggiungere e poi superare nel punteggio.

Nemmeno la carica suonata da capitan Cinganotto e dal suo vice Mariani in chiusura di primo quarto son riuscite poi a riportare i compagni sul sentiero illuminato, tutt’altro, le mani dei cinque sul parquet sono andate via via raffreddandosi nella frazione successiva quando la palla non ha attraversato la retina avversaria per oltre 5’ girando (anche per beffarda sfortuna) sempre sul ferro.

Gli uomini di Benetollo, che al contrario hanno segnato tutto ciò che c’era da segnare, si sono ritrovati così a due minuti dalla metà di gara inaspettatamente sul +15 con Meneghin e Vigna sugli scudi, salvo concedere una fiammata ai padroni di casa utile ad arrivare all’intervallo sul -8.

Ma al rientro sul parquet i nostri sono ripiombati nella foschia, incaponendosi nel tiro dalla lunga e raccogliendo poco dalla difesa, un po’ troppo soft sia a uomo che a zona, trovando il primo canestro con un contropiede di Mariani dopo altri 4’ a digiuno.

Troppo pochi 6 punti in 10’ per far fronte alla seratona di Berti che con altre due bombe ha chiuso il quarto sul +19 per Albignasego, troppo tarda la reazione avuta nell’ultimo periodo (vinto 21-16) per sperare di ribaltare un risultato sigillato prima da due triple di Salvato sullo scadere dei 24” e da quelle ancora di Vizzotto e Berti poi (12/24 dai 6,75 metri per i gialloneri a fine gara).

Non è assolutamente il caso di fare processi alla ricerca dei colpevoli per una partita non giocata all’altezza del nostro potenziale, per restare nel linguaggio meteorologico diciamo che il gruppo è stato colpito da una perturbazione improvvisa (e anche un po’ di sfiga) che ne ha condizionato gambe e lucidità, ma confidiamo sull’arrivo dell’anticiclone in vista della trasferta di Murano, imbattuta in testa alla classifica, e del ritorno al PalaVigor contro Roncade, ora al secondo posto solitario.

Continuiamo perciò a lavorare fiduciosi, a maggior ragione ora che il gruppo nella sua interezza può continuare a limare i piccoli difetti ed esaltare le oggettive qualità, in modo da superare indenni i pericoli delle imminenti gelate invernali.

Forza ragazzi! Forza Vigor!

0
0
0
s2sdefault